Diocesi di Pescia

Parrocchia di San Jacopo Maggiore

Altopascio

Gli Angeli della Preghiera

 

Sussidio 2-2018 (lo puoi scaricare dal menu 'La Parrocchia' alla voce Angeli della Preghiera)

«Nessuna preghiera si perde nel nulla, anche se non sempre la mia richiesta corrisponde alla volontà di Dio. Tutte le preghiere portano frutti, anche se non sempre quello che chiedo»

(Jacques Gauthier)

Presentazione

La proposta di questo sussidio è quella di  offrire una guida alla preghiera personale e comunitaria.

Il sussidio contiene tre percorsi di preghiera, uno per ogni mese, così suddivisi:

  • Riti d’inizio: segno della croce ed introduzione
  • Inno allo Spirito Santo
  • Salmo o altra lettura
  • Vangelo
  • Tempo di silenzio
  • Spunti di riflessione
  • Preghiera d’intercessione
  • Riti di conclusione

Gesù Consolato

Segno di croce

O Dio vieni a salvarci. Signore vieni presto in nostro aiuto.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo.

Come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli.

Amen

 Sequenza allo Spirito Santo

 

 Vieni o Spirito Creatore, 

visita le nostre menti, 

riempi della tua grazia i cuori che hai creato. 

O dolce Consolatore,

dono del Padre altissimo, 

acqua viva, fuoco, amore, santo crisma dell'anima. 

Dito della mano di Dio, 

promesso dal Salvatore, 

irradia i tuoi sette doni, suscita in noi la parola. 

Sii luce all'intelletto, fiamma ardente nel cuore; 

sana le nostre ferite col balsamo del tuo amore. 

Difendici dal nemico, reca in dono la pace, 

la tua guida invincibile ci preservi dal male. 

Luce d'eterna sapienza, svelaci il grande mistero 

di Dio Padre e del Figlio uniti in un solo Amore. 

Amen.

Salmo 104

 

1 Benedici il Signore, anima mia!
Sei tanto grande, Signore, mio Dio!
Sei rivestito di maestà e di splendore,

2 avvolto di luce come di un manto,

tu che distendi i cieli come una tenda,

3 costruisci sulle acque le tue alte dimore,

fai delle nubi il tuo carro,

cammini sulle ali del vento,

4 fai dei venti i tuoi messaggeri

e dei fulmini i tuoi ministri.

5 Egli fondò la terra sulle sue basi:

non potrà mai vacillare.

6 Tu l'hai coperta con l'oceano come una veste;

al di sopra dei monti stavano le acque.

7 Al tuo rimprovero esse fuggirono,

al fragore del tuo tuono si ritrassero atterrite.

8 Salirono sui monti, discesero nelle valli,

verso il luogo che avevi loro assegnato;

9 hai fissato loro un confine da non oltrepassare,

perché non tornino a coprire la terra.

10 Tu mandi nelle valli acque sorgive

perché scorrano tra i monti,

11 dissetino tutte le bestie dei campi

e gli asini selvatici estinguano la loro sete.

12 In alto abitano gli uccelli del cielo

e cantano tra le fronde.

13 Dalle tue dimore tu irrighi i monti,

e con il frutto delle tue opere si sazia la terra.

14 Tu fai crescere l'erba per il bestiame

e le piante che l'uomo coltiva

per trarre cibo dalla terra,

15 vino che allieta il cuore dell'uomo,

olio che fa brillare il suo volto

e pane che sostiene il suo cuore.

16 Sono sazi gli alberi del Signore,

i cedri del Libano da lui piantati.

17 Là gli uccelli fanno il loro nido

e sui cipressi la cicogna ha la sua casa;

18 le alte montagne per le capre selvatiche,

le rocce rifugio per gli iràci.

19 Hai fatto la luna per segnare i tempi

e il sole che sa l'ora del tramonto.

20 Stendi le tenebre e viene la notte:

in essa si aggirano tutte le bestie della foresta;

21 ruggiscono i giovani leoni in cerca di preda

e chiedono a Dio il loro cibo.

22 Sorge il sole: si ritirano

e si accovacciano nelle loro tane.

23 Allora l'uomo esce per il suo lavoro,

per la sua fatica fino a sera.

24 Quante sono le tue opere, Signore!

Le hai fatte tutte con saggezza;

la terra è piena delle tue creature.

25 Ecco il mare spazioso e vasto:

là rettili e pesci senza numero,

animali piccoli e grandi;

26 lo solcano le navi

e il Leviatàn che tu hai plasmato

per giocare con lui.

27 Tutti da te aspettano

che tu dia loro cibo a tempo opportuno.

28 Tu lo provvedi, essi lo raccolgono;

apri la tua mano, si saziano di beni.

29 Nascondi il tuo volto: li assale il terrore;

togli loro il respiro: muoiono,

e ritornano nella loro polvere.

30 Mandi il tuo spirito, sono creati,

e rinnovi la faccia della terra.

31 Sia per sempre la gloria del Signore;

gioisca il Signore delle sue opere.

32 Egli guarda la terra ed essa trema,

tocca i monti ed essi fumano.

33 Voglio cantare al Signore finché ho vita,

cantare inni al mio Dio finché esisto.

34 A lui sia gradito il mio canto,

io gioirò nel Signore.

35 Scompaiano i peccatori dalla terra

e i malvagi non esistano più.

Benedici il Signore, anima mia.

Alleluia.

Vangelo Lc10,38-42

38Mentre erano in cammino, entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò . 39Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. 40Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: "Signore, non t'importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti". 41Ma il Signore le rispose: "Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, 42ma di una cosa sola c'è bisogno . Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta".

Gv 12,1-8

 

1 Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. 2E qui fecero per lui una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali. 3Maria allora prese trecento grammi di profumo di puro nardo, assai prezioso, ne cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì dell'aroma di quel profumo. 4Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che stava per tradirlo, disse: 5"Perché non si è venduto questo profumo per trecento denari e non si sono dati ai poveri?". 6Disse questo non perché gli importasse dei poveri, ma perché era un ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. 7Gesù allora disse: "Lasciala fare, perché essa lo conservi per il giorno della mia sepoltura. 8I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me".

 

Tempo di silenzio per la riflessione personale

 

Spunti di riflessione

Vergine Maria, che hai accettato, di divenire la mamma di Gesù,

e con tenerezza lo hai portato in grembo, lo hai partorito e lo hai nutrito al tuo seno, prega per noi.

San Giuseppe, discendente di Davide, mentre accoglievi Maria come tua sposa, hai accolto Gesù come figlio e presso di lui sei stato l’ombra del Padre, prega per noi!

Santa Elisabetta, che sei stata visitata da Maria, e hai riconosciuto la madre del tuo Signore e hai sentito il bambino sussultare nel grembo per la gioia della vicinanza di Gesù, prega per noi!

Santi pastori e santi magi, che siete accorsi alla grotta di Betlemme,

e avete riconosciuto il vostro Signore, nel bambino deposto nella mangiatoia, pregate per noi!

Santi profeti Simeone e Anna, che avete preso in braccio Gesù nel tempio, e lo avete riconosciuto come il Messia a nome di tutto il popolo di Israele, pregate per noi!

Santi bambini innocenti, uccisi da Erode, e voi bambini che avete giocato con Gesù, tra le povere case del villaggio e voi bambini che Gesù colmava di benedizioni, pregate per noi!

Casalinghe di Nazaret, e voi pastori e voi contadini e pescatori,

e voi braccianti e voi mendicanti, che avete ispirato le parabole di Gesù, pregate per noi!

San Giovanni Battista, ardente come il fuoco, che hai riconosciuto in Gesù colui che veniva dopo di te ma era prima di te, e lo hai onorato come Agnello di Dio, pregate per noi!

Santi Apostoli Pietro e Andrea, e Giovanni e Giacomo pescatori del lago, e voi tutti discepoli di Gesù,

e voi donne che avete seguito il Maestro amato, pregate per noi!

Donna che hai esclamato: “Beata la mamma che ti ha partorito”,

Bartimeo che hai gridato: “Figlio di Davide, abbi pietà di me”,

pregate per noi!

Santa Marta e Maria, e San Lazzaro, che avete accolto Gesù nella vostra casa, e santa peccatrice, che hai lavato con le lacrime

i suoi piedi e li hai coperti di baci, pregate per noi!

Vedova santa che sotto gli occhi di Gesù hai offerto a Dio tutto quanto avevi per vivere, San Giovanni che durante la cena

hai appoggiato il capo sul petto di Gesù, pregate per noi!

Simone di Cirene, papà di Alessandro e Rufo, che hai aiutato Gesù sulla Via Crucis, buon ladrone, che nel dolore, da croce a croce,

hai supplicato Gesù perché di te si ricordasse, pregate per noi!

Santa Maria, ai piedi della croce, Santa Maria, in attesa della risurrezione, Santa Maria, in attesa della pentecoste,

Santa Maria, madre della chiesa nascente, pregate per noi!

Preghiera di intercessione

 

Resta con noi, Signore Gesù, perché senza di te noi camminiamo nelle tenebre e non sappiamo verso dove andare. Resta con noi, perché anche se sapessimo dove andare non avremmo la forza per camminare. Resta con noi, Signore Gesù, perché il dolore non ci induca in tentazione e perché le gioie non siano troppo brevi. A te con fede, Signore risorto, diciamo:

 

Signore Gesù, ascolta la nostra preghiera!

 

Signore Gesù, tu sei risorto da morte, ma i tuoi discepoli hanno a lungo dubitato. Noi crediamo in te, Signore della vita, ma la nostra fede è debole: aumenta la nostra fede! E quando la nostra fedeltà a te è messa alla prova, fa’ che non cadiamo. Ti preghiamo.

 

Signore Gesù, nessuno può conoscerti se non sei tu a rivelarti, nessuno può incontrarti se non sei tu ad andargli incontro, nessuno può scorgerti, se non sei tu a inviargli un segno. Fa’ che il nostro cuore arda quando tu vieni a camminare vicino a noi, lungo le strade della nostra vita. Ti preghiamo.

 

Dal tuo cuore aperto dalla lancia, sulla croce, hai versato il sangue dei sacramenti e l’acqua dello Spirito Santo. Fa’ che ci accostiamo con immenso amore all’Eucarestia, e che facciamo con te una comunione così stretta, che passi nel nostro cuore la tua bontà. Ti preghiamo.

 

Tu hai guardato con bontà verso Pietro che ti aveva rinnegato, e hai chiamato amico Giuda che ti aveva tradito. Risorto da morte hai rivolto un dolce saluto di pace ai discepoli che ti avevano abbandonato. Ti sei messo a tavola con i due discepoli che avevano perso ogni speranza in te. Fa’ che nel tuo perdono troviamo la pace. Ti preghiamo.

 

Risorto da morte e asceso al cielo, tu non ti sei allontanato da noi. Ancora il tuo cuore è pieno di compassione per coloro che soffrono e sono maltrattati. Tu senti dentro di te la fame degli affamati e la solitudine dei non amati. Dilata il nostro cuore perché sia la generosità e non l’egoismo a guidare i nostri desideri e le nostre azioni. Ti preghiamo.

 

Ricordati delle comunità dei battezzati, le tue chiese, che tu raduni in mezzo agli uomini perché siano il tuo corpo santo. Il Vangelo che hai loro affidato sia parola viva e ardente, perché si moltiplichi il numero di coloro che gioiscono per la tua grazia. E torni la piena unità tra tutti coloro che credono nel tuo nome. Ti preghiamo.

 

Signore Gesù, bambini e bambine nelle nostre parrocchie si stanno preparando per la loro prima comunione eucaristica con te. Ragazzi e ragazze attendono di ricevere nel sacramento della confermazione, l’abbondanza del tuo Spirito. Conserva nel tuo amore coloro che così ti sono affidati. Ti preghiamo.

Silenzio

Padre Nostro

Ave Maria

Gloria

Conclusione

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna, amen.

L’aiuto di Dio rimanga sempre con noi ed i nostri fratelli assenti.

Gesù astuto

Segno di croce

O Dio vieni a salvarci. Signore vieni presto in nostro aiuto.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo.

Come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli.

Amen

Preghiera allo Spirito Santo

di Paolo VI

Vieni, o Spirito Santo
e donami un cuore puro,
pronto ad amare Cristo Signore
con la pienezza, la profondità e la gioia
che tu solo sai infondere.


Donami un cuore puro,
come quello di un fanciullo
che non conosce il male
se non per combatterla e fuggirlo.


Vieni, o Spirito Santo
e donami un cuore grande,
aperto alla tua parola ispiratrice
e chiuso ad ogni meschina ambizione.


Donami un cuore grande e forte
capace di amare tutti,
deciso a sostenere per loro
ogni prova, noia e stanchezza,
ogni delusione e offesa.

 

Donami un cuore grande,
forte e costante fino al sacrificio,
felice solo di palpitare con il cuore di Cristo
e di compiere umilmente, fedelmente
e coraggiosamente la volontà di Dio.


Amen.

Salmo 146

 

1 Alleluia.

Loda il Signore, anima mia:

2 loderò il Signore finché ho vita,

canterò inni al mio Dio finché esisto.

3 Non confidate nei potenti,

in un uomo che non può salvare.

4 Esala lo spirito e ritorna alla terra:

in quel giorno svaniscono tutti i suoi disegni.

5 Beato chi ha per aiuto il Dio di Giacobbe:

la sua speranza è nel Signore suo Dio,

6 che ha fatto il cielo e la terra,

il mare e quanto contiene,

che rimane fedele per sempre,

7 rende giustizia agli oppressi,

dà il pane agli affamati.

Il Signore libera i prigionieri,

8 il Signore ridona la vista ai ciechi,

il Signore rialza chi è caduto,

il Signore ama i giusti,

9 il Signore protegge i forestieri,

egli sostiene l'orfano e la vedova,

ma sconvolge le vie dei malvagi.

10 Il Signore regna per sempre,

il tuo Dio, o Sion, di generazione in generazione.

Alleluia.

Vangelo Gv 8,1-11

1 Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. 2Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro. 3Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e 4gli dissero: "Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. 5Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?". 6Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo. Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. 7Tuttavia, poiché insistevano nell'interrogarlo, si alzò e disse loro: "Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei". 8E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. 9Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani. Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. 10Allora Gesù si alzò e le disse: "Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?". 11Ed ella rispose: "Nessuno, Signore". E Gesù disse: "Neanch'io ti condanno; va' e d'ora in poi non peccare più".

Tempo di silenzio per la riflessione personale

Spunti di riflessione

Quando inizia la nostra giornata, Signore Dio, fa’ che ci ricordiamo di te prima di tutto, poiché sei tu, Creatore, che ci tieni in vita,

tu che pronunci con amore il nostro nome, all’inizio di ogni nuovo giorno.

E la nostra preghiera a te, al mattino, non sia soltanto per noi e per i nostri cari, ma anche per chi inizia un giorno di dolore, un giorno di povertà e di solitudine, per chi non ha gioia nel nuovo giorno.

E fa’ che andiamo incontro con pace,  alle persone e agli eventi delle nostre giornate, così che possiamo agire con umiltà e saggezza,

cercando di compiere in tutto la tua volontà, sostenuti dal tuo santo Spirito.

E qualunque imprevisto ci attraversi la strada, e qualunque offesa o ferita ci giunga, insegnaci ad accettarle nella quiete, difendi il nostro animo dall’amarezza, dallo scoraggiamento e dal risentimento.

Insegnaci a dedicare vera attenzione alle persone che incontriamo,

con apertura di mente e di cuore, con simpatia, interesse e rispetto;

nei nostri occhi passi un raggio della tua bontà.

Rendici fedeli nel compiere i nostri doveri, e grati verso coloro da cui riceviamo servizio; non lasciare che il nostro cuore diventi pigro,

o incapace di stupore, o freddo e vuoto; metti parole di grazia sulle nostre labbra.

Donaci di poter mangiare e bere nella serenità gli alimenti necessari alla nostra vita, gustando con gratitudine ogni tuo dono, senza mancare di rispetto alle tue creature, e senza scordare chi è nella povertà.

Difendi il nostro cuore dall’avarizia, e la nostra anima da un consumo smodato, così che amiamo le cose semplici e vere,

e cerchiamo la felicità con cuore limpido, assieme alle creature che amiamo.

Fa’ che durante le nostre giornate, troviamo un momento per fermarci a pregare, per ascoltare la voce della nostra anima

quando le doniamo riposo e silenzio, e la tua voce nella nostra coscienza.

Il Vangelo di Gesù sia la luce che ci guida quando la vita c’impone delle scelte, quelle piccole e quotidiane, quelle grandi da cui molto dipende, della nostra esistenza e di quella degli altri.

Ma allora rendici attenti al Vangelo, fa’ che ogni giorno ne leggiamo qualche frase, e che ci domandiamo che cosa significa per noi

quello che è stato scritto duemila anni fa, che cosa tu voglia dirci con quelle parole.

La tua Parola torni a essere familiare nelle case di coloro che credono in te, torni a essere il tesoro delle nostre famiglie

dove attingere risorse di saggezza e una bontà sempre viva e nuova.

Custodiscici nel sonno e anche nella malattia, sostienici quando arrivano le ore del dolore, confortaci quando la delusione svuota il cuore e quando il peccato commesso svuota l’anima; fa’ che non abbandoniamo mai la tua mano.

Tu nostro Dio, che hai vita e sei luce da sempre, tu nostro Creatore e nostro Padre, tu che sei misericordia e amore e fedeltà, tu la sorgente di ogni nostra pace, tu la meta ultima di ogni cammino e desiderio.

 

 

Preghiera di intercessione

Signore Gesù, tu ci hai donato la fede e mediante la sua luce hai posto nella nostra anima il dolce tesoro della speranza. Fa’ che questi tuoi doni fruttifichino nei desideri e nelle opere dell’amore. E dona alla chiesa dei nostri giorni, che è tua, una rinnovata Pentecoste.

A te, fratello e Signore, diciamo:                                                                   Nostro unico Salvatore, ascoltaci!

 

I tuoi occhi, Signore Gesù, hanno guardato questa terra: la sua erba e i suoi fiori, gli alberi e gli animali, le colline e i fiumi. Benedici ancora questa terra dove noi abitiamo e donaci gratitudine e umile rispetto verso ogni creatura. Ti preghiamo.

Nostro unico Salvatore, ascoltaci!

 

Le tue mani, Signore Gesù, si sono aperte a ricevere da Giuseppe il pane di cui hai avuto fame. Le tue mani hanno spezzato il pane come segno di una comunione totale. Benedici le nostre famiglie e donaci di vivere con affetto, intesa e bontà. Ti preghiamo.

Nostro unico Salvatore, ascoltaci!

 

I tuoi piedi, Signore Gesù, hanno conosciuto l’allegria del gioco e la fatica del lungo camminare. E il profumo e i baci di chi voleva dirti grazie per il dono del Vangelo. Benedici le nostre parrocchie e fa’ che splendano della luce della tua Parola. Ti preghiamo.

Nostro unico Salvatore, ascoltaci!

 

Il tuo corpo, Signore Gesù, ha avvertito il caldo del sole torrido di mezzogiorno, il freddo delle notti colme di brina e il messaggio misterioso del vento che non si sa di dove viene e verso dove va. Benedici ogni lavoro e ogni fatica, ogni gioco, ogni danza e ogni opera d’arte con cui cerchiamo di rendere più umano il mondo. Ti preghiamo.

Nostro unico Salvatore, ascoltaci!

 

 

Il tuo animo, Signore Gesù, è stato colmato dai tesori della tradizione del tuo popolo. Tu hai ascoltato dai tuoi maestri e dagli anziani racconti su Dio, sugli uomini, sulla terra e sul cielo. Fa’ che non disprezziamo le generazioni che ci hanno preceduto, né guardiamo con diffidenza agli adolescenti che prendono strade diverse dalle nostre. Fa’ che proviamo a intenderci, senza sospetto, con simpatia; che cerchiamo di essere felici insieme. Ti preghiamo.

Nostro unico Salvatore, ascoltaci!

 

Il tuo cuore, Signore Gesù, ha vissuto l’entusiasmo del seme della Parola che porta frutto e l’amarezza dell’incomprensione che rende sterile ogni fatica; la gioia per l’amicizia,  l’affetto e la ferita per il sospetto e l’odio. Benedici il nostro popolo e tutti i popoli della terra perché possiamo cercare il bene comune nella fraternità e nella pace. Ti preghiamo.

Nostro unico Salvatore, ascoltaci!

 

La tua anima, Signore Gesù, ha trasalito di gioia per la vicinanza del Padre e per la sua bontà verso i piccoli e i poveri. Ma ha anche pregato con forti grida e lacrime nel buio del suo mistero. Benedici la nostra anima, resa preziosa dalle mani di Dio Creatore e dal dono battesimale del tuo Spirito. Fa’ che siamo degni di pronunciare il tuo nome con le nostre labbra, mentre la nostra anima è colma di amore per  Te. Ti preghiamo.

Nostro unico Salvatore, ascoltaci!

 

Silenzio

Padre Nostro

Ave Maria

Gloria

Conclusione

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

Amen

L’aiuto di Dio rimanga sempre con noi ed i nostri fratelli assenti

Gesù il Figlio

Segno di croce

O Dio vieni a salvarci. Signore vieni presto in nostro aiuto.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo.

Come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli.

Amen

Preghiera allo Spirito Santo

Dacci un cuore nuovo  Paolo VI

 

Vieni, o Spirito Santo,
e da' a noi un cuore nuovo, 
che ravvivi in noi tutti i doni 
da Te ricevuti con la gioia di essere Cristiani, 
un cuore nuovo sempre giovane e lieto.

Vieni, o Spirito Santo, 
e da' a noi un cuore puro, 
allenato ad amare Dio, un cuore puro, 
che non conosca il male se non per definirlo,
per combatterlo e per fuggirlo; 
un cuore puro, come quello di un fanciullo, 
capace di entusiasmarsi e di trepidare.

Vieni, o Spirito Santo, 
e da' a noi un cuore grande, 
aperto alla Tua silenziosa 
e potente parola ispiratrice, 
e chiuso ad ogni meschina ambizione, 
un cuore grande e forte ad amare tutti, 
a tutti servire, con tutti soffrire; 
un cuore grande, forte, 
solo beato di palpitare col cuore di Dio.

Magnificat Lc 1,46-65

 

46Allora Maria disse: 
"L'anima mia magnifica il Signore
47e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
48perché ha guardato l'umiltà della sua serva.
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
49Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente
e Santo è il suo nome;
50di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
51Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
52ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
53ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
54Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
55come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre".

56Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.
57Per Elisabetta intanto si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. 58I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
59Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccaria. 60Ma sua madre intervenne: "No, si chiamerà Giovanni". 61Le dissero: "Non c'è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome". 62Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. 63Egli chiese una tavoletta e scrisse: "Giovanni è il suo nome". Tutti furono meravigliati. 64All'istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio. 65Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. 6

Vangelo Mt 6,24-34

24Nessuno può servire due padroni, perché o odierà l'uno e amerà l'altro, oppure si affezionerà all'uno e disprezzerà l'altro. Non potete servire Dio e la ricchezza.
25Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito? 26Guardate gli uccelli del cielo: non seminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro? 27E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? 28E per il vestito, perché vi preoccupate? Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. 29Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. 30Ora, se Dio veste così l'erba del campo, che oggi c'è e domani si getta nel forno, non farà molto di più per voi, gente di poca fede? 31Non preoccupatevi dunque dicendo: "Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?". 32Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno. 33Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. 34Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena.

Tempo di silenzio per la riflessione personale

 

 

Spunti di riflessione

Ti ringraziamo con tutto il cuore, Signore Gesù, per il grande dono della fede, e per la preghiera che ne è il respiro vivente.

Ti ringraziamo per questi incontri di preghiera che ci accompagnano in questi mesi.

Davanti a te facciamo memoria della tua vera umanità, corpo e spirito, poiché tu hai voluto essere in tutto come noi, eccetto che nel peccato, per essere amico e fratello di tutti, e salvatore.

Ricordiamo la chiamata, che ti ha raggiunto al momento del battesimo, e che ha posto sulle tue spalle, la missione di Servo di Dio e degli uomini, mandato a portare la buona novità ai poveri.

E nel tempo di Avvento ricordiamo che per secoli e secoli sei stato atteso da tutti i giusti di Israele, Messia promesso da Dio alleato e fedele, inviato per inaugurare i tempi nuovi.

Leggiamo nei Vangeli anche della collera, e dello zelo bruciante

con cui hai difeso il buon nome di Dio e la dignità degli umiliati e dei piccoli, tu, indifeso, contro i prepotenti.

E rileggiamo i racconti di come tu guardavi ai malati, di come stendevi verso di loro le mani, portando a molti la guarigione

e a tutti la certezza che erano amati.

Ricordiamo l’amara incomprensione, non solo dei prepotenti e dei nemici, ma anche dei discepoli e delle folle, e persino dei tuoi familiari, chiedendo perdono per i nostri peccati.

Ma con gratitudine e commozione pronunciamo nomi di uomini e donne che ti hanno compreso e consolato, che hanno custodito le tue parole con fedeltà e ti hanno circondato di amore sincero.

E in quest’ora di preghiera come Figlio di Dio noi ti riconosciamo e adoriamo, tu luce da luce, Dio vero da Dio vero, non creato, generato prima di tutti i secoli, della stessa sostanza del Padre.

Tu, il segreto ultimo del cuore di Dio, il Dio-con-noi per sempre,

tu solo degno di aprire i sigilli del libro che contiene il mistero di questa nostra storia, di luci e di ombre, di peccato e di grazia.

Tu sei passato come una fiamma nella notte, e da allora la tua luce non è stata più scordata, la tua parola si è diffusa su tutta la terra,

e noi continuiamo a vivere di te, pane della vita e vino della gioia per sempre.

Tu che sei stato uomo come noi, così lontano hai camminato nell’amore che alla fine ti sei immerso tutto in Dio:

noi speriamo di averti vicino ogni giorno, e ti adoriamo, dolce fratello e grande Signore.

Sei della nostra stirpe, uomo come noi, sangue del nostro sangue  e nato da donna, ma porti un nome che è al di sopra di ogni altro

perché Figlio di Dio sei chiamato: voce del Dio vivo, suo Verbo eterno.

Non renderti introvabile a noi che ti cerchiamo, penetra oltre il buio del nostro peccato, e donaci lo Spirito che possedevi senza misura, perché camminiamo secondo il tuo esempio, fin dentro il grande abbraccio del Padre.

Preghiera di intercessione

 

Unanimi nella preghiera, animati dallo Spirito di Gesù Signore, rivolgiamoci al Padre, sorgente di ogni grazia.                                    Preghiamo per la nostra chiesa, per i poveri e i sofferenti, per la pace e la salvezza del mondo intero. Preghiamo nel nome di Gesù ripetendo:

Padre, venga il tuo Regno.

Per la chiesa. Per il Papa, i vescovi, i preti e i diaconi. Fa’ che non si comportino da padroni della fede ma da servi della comunione e della gioia fra i fratelli. E abbiano a cuore i più poveri, i più umiliati e i più deboli. Ti preghiamo.

Padre, venga il tuo Regno.

Per le comunità di cristiani che vivono in situazioni difficili o che subiscono discriminazioni o persecuzioni. E per quelle la cui fedeltà al Vangelo è minacciata a causa delle tentazioni della ricchezza e della confusione dei tempi. Ti preghiamo.

Padre, venga il tuo Regno.

Per i missionari e le missionarie e per tutti quelli che rendono testimonianza al Vangelo là dove è poco conosciuto. E per quelli che offrono un sostegno e una guida a coloro che si sono aperti alla fede o a essa sono ritornati dopo una lunga lontananza. Ti preghiamo.

Padre, venga il tuo Regno.

Per le catechiste e i catechisti, per i ministri straordinari della comunione, per gli animatori di gruppi e movimenti e per tutti coloro che esercitano un qualche ministero nelle comunità del Signore Gesù. Siano colmati della consolazione del tuo Spirito. Ti preghiamo.

Padre, venga il tuo Regno.

Per i fidanzati che si preparano a celebrare nella fede il loro patto d’amore. E per coloro che hai chiamato alla vita religiosa e nei noviziati percorrono la lunga via del discernimento e della preparazione. A tutti dona la luce e l’amore necessario per camminare nella gioia. Ti preghiamo.

Padre, venga il tuo Regno.

Per le famiglie dei battezzati, perché sia la fede in Gesù ad animare i rapporti di cui esse vivono. Torni abbondante la preghiera comune, e le parole del Vangelo benedicano tutte le altre parole di dialogo. E l’amore sia sempre abbondante, nella salute e nella malattia, nella gioia e nel dolore. Ti preghiamo.

Padre, venga il tuo Regno.

Per le nostre parrocchie. La celebrazione domenicale dell’eucarestia sia come un focolare che fa crescere la fede, scalda la fraternità, sostiene la speranza, nutre la comunione con Gesù e con te. E porti frutti in una carità delicata, attenta ed efficace verso ogni tipo di povertà. Ti preghiamo.

Padre, venga il tuo Regno.

 

Silenzio

Padre Nostro

Ave Maria

Gloria

Conclusione

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

Amen

L’aiuto di Dio rimanga sempre con noi ed i nostri fratelli assenti.

 15dicembre2  

  Omelie

Notizie

Contatore Visite

348897
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Questo Mese
Complessivamente
38
268
38
4284
348897

19-08-2018 02:23

Prossimi Eventi

Nessun evento

Seguici su Facebook